polpettone ripieno di frittata

Polpettone ripieno di frittata: ecco come prepararlo, ingredienti e consigli

Il polpettone di carne è un classico della cucina italiana. Le famiglie italiane lo preparano tradizionalmente in occasione di grandi tavolate, per esempio durante le festività natalizie. Ogni regione lo farcisce a modo suo, e questo conferma quanto questo piatto sia comodo e versatile e si presti a infinite varianti. Questa ricetta propone una golosa variazione rispetto al ripieno classico, che solitamente prevede uova sode. La versione con la frittata è così appetitosa da conquistare anche i bambini. Vediamo come realizzare il polpettone ripieno di frittata.

Difficoltà ricetta: facile
Costo: medio
Tempo di preparazione: 20 minuti
Tempo di cottura: 60 minuti
Porzioni: 8 persone

Ingredienti e strumenti necessari per il polpettone ripieno di frittata

  • 500 grammi di carne macinata di manzo
  • 500 grammi di carne macinata di maiale
  • 4 patate medie
  • una fetta di pane casereccio
  • 5 uova
  • 6 cucchiai di parmigiano
  • una cipolla
  • 2 carote
  • una gamba di sedano
  • un bicchiere di latte
  • pangrattato q.b.
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • rosmarino q.b.
  • prezzemolo q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Strumenti necessari

  • una padella antiaderente
  • una teglia da forno
  • carta da forno
  • spatola
  • tagliere e mezzaluna
  • pellicola trasparente (facoltativa)

Procedimento per la realizzazione del polpettone ripieno di frittata

Per la frittata

Rompere 4 uova in una ciotola, aggiungere un pizzico di sale e una macinata di pepe e sbatterle velocemente con una frusta. Scaldare un filo d’olio in una padella antiaderente.
Versare le uova sbattute nella padella e cuocere per qualche minuto per lato. Per girare la frittata, aiutarsi all’occorrenza con una spatola e un piatto o un coperchio. Non preoccuparsi se la frittata si spezza, tanto andrà tutta all’interno del polpettone. Mettere la frittata da parte e lasciarla intiepidire.

Per il polpettone

Preparare un trito sottile di sedano, carote e cipolla, sminuzzando finemente le verdure con la mezzaluna. Mettere la fetta di pane casereccio in ammollo nel latte per ammorbidirla. Strizzare il pane diventato ormai molle. In una ciotola abbastanza grande mescolare bene le verdure tritate, i due tipi di carne macinata, un uovo sbattuto e il pane strizzato. Aggiungere parmigiano e pangrattato all’occorrenza, rosmarino, prezzemolo, sale e pepe a piacere. Mescolare bene l’impasto, aiutandosi anche con le mani per assicurarsi che tutti gli ingredienti siano bene amalgamati.

Se l’impasto è troppo morbido, aggiungere altro pangrattato fino a raggiungere la consistenza desiderata, cioè un impasto malleabile e abbastanza elastico da non rompersi o sgretolarsi quando lavorato con le mani. Rivestire con la carta da forno una teglia larga. Disporre sulla carta da forno uno strato sottile di pangrattato, questo faciliterà la lavorazione del polpettone senza permettere al trito di carne di attaccarsi alla teglia. Mettere l’impasto al centro della teglia dando a esso una forma rettangolare. Posizionare la frittata ormai fredda al centro della carne e, aiutandosi con la carta da forno, arrotolare l’impasto fino a formare la tipica forma del polpettone.

In alternativa, al posto della carta da forno ci si può aiutare a dare la forma all’impasto con un foglio di pellicola trasparente per alimenti. Preriscaldare il forno a 180° in modalità statica.
Nel frattempo che il forno si riscalda, ci si può occupare delle patate. Lavare le patate con cura, spazzolando bene la pelle per rimuovere tutte le impurità e i residui di terra. Sbucciarle grossolanamente. Tagliare le patate a cubetti di 2-3 centimetri.

A questo punto, se lo si desidera, le patate a cubetti si possono cuocere in acqua bollente per 5 minuti, così da ottenere una cottura omogenea e far sì che le patate abbiano il cuore particolarmente morbido e l’esterno croccante. Questo passaggio, comunque, non è necessario. Trasferire i cubetti di patate (che siano state sbollentate o meno) in una ciotola capiente e condirle con una generosa quantità d’olio extravergine d’oliva e un pizzico di sale. Se si gradisce un sapore più speziato si può aggiungere una spolverata di paprika in polvere, oppure qualche spicchio d’aglio, ma le patate saranno squisite anche senza spezie o aromi. Mescolare con una spatola.

Disporre le patate sulla teglia attorno al polpettone, evitando, se possibile, di sovrapporle troppo. Infornare e procedere con la cottura in forno statico per un’ora circa. Verso metà cottura, girare le patate con delicatezza, avendo cura di non spappolarle (porre particolare attenzione a non rovinarle soprattutto se prima sono state sbollentate). Dato che i tempi di cottura dipendono molto dal forno, dal taglio delle patate e dalla forma del polpettone, si consiglia di controllarne spesso il grado di cottura. Una volta terminata la cottura, tagliare il polpettone a fette spesse e servirlo ancora caldo.

Varianti del polpettone ripieno di frittata

La ricetta del polpettone ripieno di frittata è molto versatile: proprio come accade quando si fa una frittata da consumare così, ci sono infiniti abbinamenti possibili da provare. Si possono ad esempio aggiungere delle verdure alla cottura delle uova, come ad esempio cipolle, zucchine e peperoni. L’ideale è saltarli nella padella antiaderente con un filo d’olio, poi versare direttamente sulle verdure cotte le uova sbattute e seguire lo stesso procedimento della frittata semplice.

Al polpettone ripieno di frittata si abbinano benissimo anche i salumi di ogni tipo: i più gettonati sono generosi strati di mortadella o di prosciutto cotto. Per ottenere un risultato più goloso, si può provare ad aggiungere del formaggio a fette. Meglio preferire formaggi di tipo filante, come mozzarella, fontina e groviera, capaci di donare al piatto un tocco cremoso davvero irresistibile, o un formaggio spalmabile. Un tocco speciale davvero originale? Si può provare con pomodori secchi, olive nere denocciolate, funghi freschi o trifolati.

Come scegliere la carne macinata per il polpettone?

Per ottenere un ottimo risultato, bisogna partire da un’ottima materia prima. Accostare due tipi di carne macinata, cioè di manzo e di maiale, è un trucco per dare una maggiore varietà di sapore al polpettone. La carne di maiale, essendo per sua natura maggiormente grassa, risulterebbe un po’ pesante da usare da sola per un intero polpettone, ma accostata a quella di manzo è in grado di esaltare il sapore della carne bovina. Il grasso di maiale rende più morbido il trito di manzo, rendendo il polpettone molto prelibato. La carne da preferire è la polpa scelta, acquistata possibilmente direttamente dal proprio macellaio di fiducia.

Lascia un commento